DateJanuary 13, 2009

Traduzioni per un pubblico semplificato

Quando ho letto la storia della traduzione in italiano del film The Millionaire ci sono rimasto male ed anche un pochino completamente spiazzato.

La storia la potete leggere per intero qui. Ne riporto solo uno stralcio per far capire di cosa si parla:

I due bambini protagonisti della pellicola, a un certo punto, vedono assassinata la madre davanti ai loro occhi. Un lavatoio pieno di donne che lavano e bambini che giocano felici viene assaltato a sangue freddo da un centinaio di uomini inferociti, armati di bastoni e molotov, che picchiano e bruciano senza pietà tutto quello che si trovano di fronte.

Una voce si ode chiaramente fra le urla e i rumori: “Aiuto, sono musulmani, scappiamo”.

L’anziano signore nella fila dietro spiega alla moglie che non ha capito: “Sono i musulmani”.
In molte recensioni del film trovate in rete si legge: “Madre morta durante un’aggressione da parte di musulmani”.
Il pubblico in senso lato spiega a se stesso: “Sono i musulmani”.

Inoltre: in una versione italiana scaricata (grazie a Marina per il preciso resoconto), non appena la madre viene colpita a morte e si sente la voce urlare “Aiuto, sono musulmani, scappiamo”, appare un sottotitolo inglese, che al cinema non ricordo di aver visto. Probabilmente si tratta del dvd, nella versione originale quella parte è in hindi ed è stata lasciata così ricorrendo ai sottotitoli inglesi. Il sottotitolo dice: “They’re muslims, get them!!!”. Che non si traduce con “Aiuto, sono musulmani, scappiamo”, bensì con “Sono musulmani, prendeteli!!!”. A parlare è un aggressore, non un aggredito. E la differenza è sostanziale, enorme.

PS – La stessa Marina mi conferma un altro particolare, che leva gli ultimi dubbi e fa escludere quasi con certezza l’ipotesi della buona fede: la voce italiana che dice “Aiuto, sono musulmani, scappiamo” è una voce di donna, come donne (e bambini) sono tutte le persone aggredite. Gli aggressori sono invece tutti uomini, ed è quindi sicuro che nell’originale la voce che dice “They’re muslims, get them!!!” fosse invece una voce maschile. Dovendo cambiare il significato, era necessario anche questo.

Ora mentre non capivo perchè il film veniva completamente stravolto in italiano e già nella mia mente si affollavano i motivi più disparati, da utilizzo politico a manipolazione dell’opinione pubblica, leggo nei commenti che forse questo tipo di cambiamente potrebbe essere una semplificazione per il pubblico italiano.

Una semplificazione per il pubblico italiano….

Ora non so se semplificare o riaddatare un film rendendolo più vicino alla cultura di un popolo che ne andrà a fruire sia una pratica comunemente utilizzata, tuttavia questo tipo di approccio mi lascia realmente esterefatto.

Siamo davvero sicuri che il pubblico italiano non sia capace di comprendere che le aggressioni vengano fatte da un gruppo di estremisti contro una minoranza, ed in questo caso particolare estremisti indù contro minoranza musulmana?

Davvero il pubblico italiano non è capace di comprendere una cosa del genere?
C’è qualche risvolto che non comprendo?

Dubbi…

Detrazione del 55% sulle energie rinnovabili non verranno cancellate

Il governo berlusconi aveva proposto di eliminare le detrazioni del 55% volti a lavori per migliorare l’efficienza energetica, come per esempio l’installazione di pannelli fotovoltaici.

Oltre che voler applicare questa norma in modo retroattivo togliendo il finanziamento a chi lo aveva ottenuto negli anni scorsi, c’era la chiara intenzione di rendere l’iter burocratico molto più complesso (come il silenzio diniego in 30 giorni) e limitare i tetti di spesa.

Il Kuda aveva lanciato una campagna contro questa idea, con un incatenamento simbolico a cui questo blog ha aderito.

Sembra che ci siano buone notizie: le proposte di modifica saranno stralciate e quella legge non verrà distrutta.

Come fa notare lo stesso Kuda questa è una vittoria, nonostante si sia combattutto in linea difensiva per chiedere il non smantellamento di una buona legge.

© 2017 Train of Thoughts

Theme by Anders NorénUp ↑

By continuing to use the site (scrolling or clicking counts), you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close