Tag: confronto

Un Pd utile.

Tre motivi per votare Marino:

Motivo 1: Serve un PD utile. Quindi serve un segretario intelligente, sveglio e capace. Intelligente perchŔ sono tempi burrascosi e bisogna essere capaci di ascoltare e capire in modo rapido. Sveglio perchŔ quando c’Ŕ l’occasione per tirare gi¨ Berlusconi bisogna usarla. Non farci accordi. Capace perchŔ altrimenti tutto questo rimane nell’iperuranio platonico e niente diventa effettivo. Per dirla con una battuta (non mia), fatti non pugnette.

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=5aWYkwV-pn0]

Motivo 2: Io non mi sento Italiano ma per fortuna purtroppo lo sono. In pratica come dice Gaber il nostro paese Ŕ una fantastica fucina di idee e di buone cose e di brutte cose. E’ ora di ribilanciare e fare emergere le buone idee e le buone iniziative che sono presenti e dargli forza.

Soltanto con una manovra complessiva e con politiche coerenti che abbracciano varie parti della societÓ e che vengono eseguite tutte insieme c’Ŕ questa possibilitÓ. Serve un cambio di paradgma, di velocitÓ e di metodo.

Motivo 3: Io voglio contare uno, ma voglio contarLo. In fondo sono estremamente interessato al dibattito politico ed alle soluzioni che vengono proposte. Sono anche interessato all’essere parte attiva e proporne alcune di soluzioni.

Ora, se io propongo una soluzione che Ŕ buona (che non succede, ma metti la botta di culo), questa dovrebbe, con un sistema ben studiato, avere la capacitÓ di fare il salto dalla dimensione locale, tipo quella di un circolo, a tutta la rete del partito fino alla segreteria; ad una segreteria recettiva.

Si pu˛ discutere della bontÓ della soluzione e migliorarla o si pu˛ cassarla, tuttavia uno dei risultati pi¨ importanti Ŕ stato raggiunto. Quello che a me premeveva Ŕ diventato motivo di discussione a livello politico. E’ quell’imporre l’agenda politica dal basso che manca e che darebbe la possibilitÓ di connettere la segreteria con la base. E che il mio PD mi permette di fare (o quello che ho in testa io, sia chiaro.).

Per questo serve un PD nuovo e capace di fare questo salto e Marino Ŕ la risposta.

Tornare indietro con Bersani, come Ŕ chiaramente stigmatizzato da questo post di Pippo non Ŕ una opizione.

Inoltre questa voglia di accordi con Berlusconi! che Franceschini sembra proporre stamattina Ŕ realmente inquietante.

Infine l’unico candidato che ha chiesto un confronto per capire le differenze tra i candidati Ŕ stato Marino. E’ da sottolineare il fatto che gli altri due hanno risposto Picche e vogliono evitare il confronto.

Volete un Bersani od un Franceschini che si comportano in questo modo alla testa del PD? Volete un PD che rifugge i confronti e che non si comporta in maniera chiara? E, soprattutto, la domanda fondamentale credo che sia: Credete che un PD guidato da gente del genere possa essere utile al Paese, ai cittadini italiani ed infine a Voi?

Io credo di no, e se non le ritenete domande retoriche ed avete risposto si cercatevi un’altro partito e non votate per Franceschini o Bersani. Per favore, c’Ŕ tanto lavoro da fare ed i tempi stringono.

Se invece avete capito la situazione votate per Marino. E’ noto che anche io prendo cantonate quindi utilizzate il vostro giudizio critico.

Grazie per aver letto fin qui. ­čÖé

Le politiche economiche del Centro Destra e del Centro Sinistra.

Interessantissima presentazione.

[slideshare id=315311&doc=economia-italiana-un-confronto-tra-csx-e-cdx-1206025051782018-2&w=425]

Era chiaro e noto, tuttavia Ŕ sempre meglio rimarcarlo. Ottimo lavoro. Si parla di numeri e di dati. E` abbastanza chiaro che il governo di destra Ŕ incompetente dal punto di vista economico e non solo.

Non sono stati capaci. Quelli della sinistra si.

via VoglioScendere.it

Politica e consapevolezza

Questo post spiega molto bene alcune idee che mi frullano nella testa.

La consapevolezza di una Nazione Ŕ data dalla consapevolezza dei suoi cittadini. In Italia abbiamo una mancaza di consapevolezza ed una mancanza di analisi critica della realtß che rende la situazione abbastanza complicata. E’ difficile intavolare un dibattito quando le persone non sono pi˙ abituate a discutere, ma soltanto a credere.

Il problema pi˙ grande Ŕ saltare la barriera rete e realtÓ. Chi viaggia in rete ha delle idee abbastanza chiare di come stanno le cose… Vuoi i video su youtube vuoi i vari post dei vari blog…. Invece chi guarda soltanto la tv non sviluppa capacitß critica.

Se ci pensate, viene facile… Dov’Ú lo spazio per i commenti in una tv?