Le Cassettine, con i loro adesivi attaccati su Lato A e Lato B.

Attaccati male, che si staccavano per il sudore e per la violenza con cui venivano buttati dentro il mangianastri.

PerchŔ in macchina avevi le cassettine, milioni di cassettine che sincere suonavano con onesto fruscio dall’autoradio con i pomelli neri e tondi, splendidamente sferici.

Erano tempi in cui il volume si poteva alzare in maniera analogica. In cui sacrificavi le cassette al sole dell’estate sul pianale posteriore perchŔ inondavano l’auto ed il nastro veniva fuso, perdendo in qualitÓ e soprattutto in velocitÓ.

Erano i tempi in cui i primi CD che avevi per vie traverse venivano riversati in oneste cassettine per avere a disposizioni grandi gruppi punk in auto dove un onesto autoradio suonava le cassettine. In analogico. Quando l’impedenza la faceva da padrone…

Erano tempi dei mixtape e della rover. Rigorosamente con la ruota del nastro con il il pezzettino rosso.

Poi fu il renault Rock. Ma questa Ŕ tutto un’altro Cd (ma la stessa storia…).

Via Webgol ho ritrovato questo bit..