DateAugust 31, 2009

Dieci domande in cerca di intervistato

Riporto le dieci domande che Repubblica ha fatto a Berlusconi.

1. Quando, signor presidente, ha avuto modo di conoscere Noemi Letizia? Quante volte ha avuto modo d’incontrarla e dove? Ha frequentato e frequenta altre minorenni?

2. Qual è la ragione che l’ha costretta a non dire la verità per due mesi fornendo quattro versioni diverse per la conoscenza di Noemi prima di fare due tardive ammissioni?

3. Non trova grave, per la democrazia italiana e per la sua leadership, che lei abbia ricompensato con candidature e promesse di responsabilità politiche le ragazze che la chiamano «papi»?

4. Lei si è intrattenuto con una prostituta la notte del 4 novembre 2008 e sono decine le “squillo” che, secondo le indagini della magistratura, sono state condotte nelle sue residenze. Sapeva che fossero prostitute? Se non lo sapeva, è in grado di assicurare che quegli incontri non l’abbiano resa vulnerabile, cioè ricattabile – come le registrazioni di Patrizia D’Addario e le foto di Barbara Montereale dimostrano?

5. È capitato che “voli di Stato”, senza la sua presenza a bordo, abbiano condotto nelle sue residenze le ospiti delle sue festicciole?

6. Può dirsi certo che le sue frequentazioni non abbiamo compromesso gli affari di Stato? Può rassicurare il Paese e i nostri alleati che nessuna donna, sua ospite, abbia oggi in mano armi di ricatto che ridimensionano la sua autonomia politica, interna e internazionale?

7. Le sue condotte sono in contraddizione con le sue politiche: lei oggi potrebbe ancora partecipare al Family Day o firmare una legge che punisce il cliente di una prostituta?

8. Lei ritiene di potersi ancora candidare alla presidenza della Repubblica? E, se lo esclude, ritiene che una persona che l’opinione comune considera inadatta al Quirinale, possa adempiere alla funzione di presidente del consiglio?

9. Lei ha parlato di un «progetto eversivo» che la minaccia. Può garantire di non aver usato né di voler usare intelligence e polizie contro testimoni, magistrati, giornalisti?

10. Alla luce di quanto è emerso in questi due mesi, quali sono, signor presidente, le sue condizioni di salute?

C’è anche un appello da firmare qui se volete un’informazione libera.

The anonimous Bank Holiday ovvero come ti faccio festa in England

Questa mattina, dopo giorni di splendido relax at home con 30 gradi mare e giri vari, sono pronto al ritorno al lavoro.
Già ieri all’uscita dell’aereo, ho capito che ero tornato in England. 17 gradi scarsi, un ottimo venticello freddo tagliente, cielo nuvoloso.

Lovely england.

Anyway, stamattina mi sveglio e vado verso la fermata dello shuttle-bus che mi porta a lavoro.

Quando esco da casa vedo la strada stranamente non trafficata e la cosa mi insospettisce ma non troppo poichè il cielo era rassicuratamente grigio.
Arrivo all’incrocio con East Road ed anche questa era decisamente vuota. Pochissime macchine, nessuno in giro…

Vuoi vedere che oggi è una bank holiday… Giro l’angolo ed arrivo alla fermata, notando che non c’è nessuno in fila… Mhh… L’ho perso od è bank holiday?

Passano due tipi, faccio la fatidica domanda…..
“Excuse me, is a bank holiday today?”
“Yes”.

…. (Qui ho pensato che seriamente potevo mollare la sveglia al suo oblio e dormire un pochino di più, potevo prolungare di un giorno la vacanza in Italy…. ed invece..)

Oggi è la Summer Bank Holiday. Non ci sono altre info. Nemmeno qui
Inglesi, con le loro feste messe quando meno te le aspetti.

© 2019 Train of Thoughts

Theme by Anders NorénUp ↑

By continuing to use the site (scrolling or clicking counts), you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close