Ricerca scientifica in Italia: migliora?

Secondo questo articolo uscito su Nature in Italia si starebbe modificando il criterio di selezione dei ricercatori.

L’idea è introdurre il merito invece che utilizzare il numero di anni spesi sotto l’ala protrettrice del professore-barone (o professoressa-baronessa).

Vedremo. Sicuramente l’Italia ha la sua risorsa nel capitale umano, da secoli. Se venisse creata una struttura per fare ricerca che abbia le caratteristiche di essere:

  1. al passo con lo stato dell’arte
  2. capace di portare novità serie al contributo mondiale
  3. avere la strumentazione, i mezzi e la  serietà per far bene

sicuramente il piano potrebbe riuscire.

Manca la volontà politica e la ricerca scientifica viene vista dalla magigor parte della gente come uno spreco di soldi. Bisogna cambiare questa idea.

2 Comments

  1. Non iresco a leggere l’articolo su Nature e non capisco quindi quale sia la fonte italiana. Io credo che manchi senza dubbio la volontà politica ma purtroppo questo non basta a giustificare il permanere di un simile sistema. Mi sono fatta l’idea purtroppo che anche i cittadini, al di là dello scandalo conclamato, siano talmente addentro al sistema da non voler rinunciare ognuno al proprio “pezzettino”. Mi riferisco qui ovviamente non soltanto alla ricerca ma al sistema sociale in senso più ampio che poggia su basi clientelari e di conoscenze. Insomma sono un po’ pessimista. A presto
    marilena

  2. Ricerca.. il problema è dato dal sistema scolastico (universitario) italiano che se ne frega(ava) altamente della “produttività” a favore dell’insegnamento. Il motore per la ricerca è l’economia e l’economia si nutre di ricerca, quindi da qualche parte bisogna iniziare (presumo sia meglio farlo dal punto di vista scolastico/istituzionale).
    I fondi sono un altro problema non poco rilevante, senza soldi (tanti) non si ha il capitale iniziale per l’acquisto di attrezzature (sempre più costose quanto più la ricerca è “di confine”) e quindi…

    Ciao

Leave a Reply

© 2020 Train of Thoughts

Theme by Anders NorénUp ↑

By continuing to use the site (scrolling or clicking counts), you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close